Cosa c’è…

 

  • Il 7 novembre si aprono i termini per la compilazione sul sito dello Sviluppo economico delle domande relative ai voucher per gli innovation manager (fino a 25mila euro per medie imprese, fino a 40mila per micro e piccole), finanziati per il primo anno con 75 milioni;
  • Il 12 novembre si aprono i termini per presentare i progetti per ottenere contributi diretti e finanziamenti agevolati previsti dagli Accordi per l’innovazione nei settori Fabbrica intelligente, Agrifood, Scienze della vita e Calcolo ad alte prestazioni (190 milioni disponibili);
  • Dal 15 ottobre sono aperti i termini per gli Accordi per l’innovazione nel settore della space economy (100 milioni)
  • Il 26 novembre si apre il bando da 329 milioni su Grandi progetti per ricerca e sviluppo nei settori Agenda digitale e Industria sostenibile.

 

Non ci sono ancora date precise per accedere ai 265 milioni che il ministero dello Sviluppo ha appena annunciato per investimenti innovativi nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

 

… lo stato di avanzamento del decreto crescita …

Il decreto crescita aveva previsto una pioggia di microincentivi che ancora oggi sono praticamente tutti fermi:

  • 140 milioni di euro per agevolazioni a progetti di ricerca sull’economia circolare;
  • voucher destinati alle startup che vogliono brevettare i loro prodotti;
  • agevolazioni finanziarie destinate a progetti di trasformazione digitale delle Pmi;
  • credito di imposta per la partecipazione alle fiere;
  • Fondo per supporto alle aziende che si iscrivono al registro dei marchi storici;
  • Piano grandi investimenti nelle zone economiche speciali.

 

… e cosa manca

Secondo Carlo Robiglio (Presidente di Piccola Industria d Confindustria) la riconferma di Industria 4.0, come previsto dal Governo, è troppo poco e soprattutto si tratta di interventi non sistemici che hanno una vista corta e non invece una dimensione strategica di medio-lungo periodo. «Manca una visione di politica industriale di medio periodo. Con la plastic tax e con la sugar tax si colpiscono i prodotti e non i comportamenti. Se vuoi cambiare le abitudini devi incentivare le buone pratiche.  … L’impressione è che non ci sia un disegno di politica economica per far crescere il paese e nemmeno la spinta ad un vero green deal, ma l’esigenza immediata di fare cassa», dice Robiglio.

 

Tasse, leva fiscale, incentivi, …: chi deve disegnare le politiche pubbliche che abbia come orizzonte di attuazione almeno i prossimi 5 anni?

Di seguito gli articoli scaricabili:

Boccia_ non fa crescere il Paese punire l’industria con le tasse

Copia di Pe4k6O-Default.ashx

Fermi ai box 500 milioni di incentivi

Gradualità, incentivi, limiti

Il bonus Sud non colma il divario di competenze

Ima alleata con il Mit a Boston per la manifattura del futuro

Parte Simple 5 aziende in rete per i sensori che prevengono i guasti

Per il business della sicurezza si apre la sfida di digitrale e 5G

Plastica, le tasse non servono meglio investire sul riciclo

Pmi_ grazie ai brevetti, credito e ricavi in crescita fino al 30%

Riqualificare la forza lavoro è ora un’occasione

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *