Le tre associazioni di rappresentanza degli imprenditori di Francia, Italia e Germania hanno chiesto insieme ai loro tre governi di orientarsi su priorità comuni e  di penare a riforme strutturali in una logica europa. E’ successo in occasione del primo Business Forum trilaterale e la richiesta è stata di promuovere un #modelloeuropeo che possa soddisfare una duplice ambizione: rafforzare la sovranità e la competitività dell’Unione per fare dell’Ue un attore globale, nonché garantire la crescita, l’occupazione, il benessere e la prosperità dei suoi cittadini. 

Di fronte a quella che è stata definita una vera e propria guerra commerciale senza precedenti, le tre associazioni hanno avanzato le seguenti richieste:

  1. Accordarsi su un Quadro finanziario pluriennale fortemente orientato alla crescita e alla competitivà favorendo gli investimenti pubblici nazionali e la promozione degli investimenti privati, mediante adeguati regimi fiscali e di incentivazione;
  2. Finanziare l’economia verde: sono necessari programmi nazionali di promozione degli investimenti molto più completi per far crescere le imprese europee; 
  3. Sostenere la leadership digitale europea favorendo la creazione di un ecosistema che garantisca la disponibilità soprattutto dei dati pubblici, un’infrastruttura europea dei dati sicura e affidabile e la promozione di nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale;
  4. Sfruttare in modo incisivo l’enorme potenziale del mercato unico e definire un’ambiziosa strategia di politica industriale europea pronta a sostenere lo sviluppo di tecnologie abilitanti. Inoltre, tale strategia industriale dovrà essere accompagnata da una rivitalizzazione della nostra politica di concorrenza, presupposto essenziale affinché le centrali tecnologiche europee di domani siano in grado di competere a livello internazionale con i loro concorrenti americani e cinesi;
  5. Promuovere con determinazione scambi e investimenti internazionali aperti ed equi e difendere i propri interessi nell’ambito dei conflitti commerciali. Sarà cruciale fare un uso più deciso della politica commerciale europea per contrastare le misure unilaterali di distorsione del commercio dei suoi principali partner commerciali, in particolare gli Stati Uniti e la Cina.

Gl imprenditori europei chiedono ai loro governi e all’Europa di muoversi compatti, con visione e determinazione. Proprio nel momento in cui pare che mondi potenti, come quello della Silicon Valley, mostrino il fianco a causa della mancanza di visione di futuro.

Il #modelloeuropeo saprà essere il modello sociale che spinge in una direzione nuova l’economia?

 

Di seguito gli articoli scaricabili:

che affari nello spazio la new economy va in orbita

Unire le energie delle imprese per creare una Europa più forte

Voucher alle startup innovative per valorizzare brevetti e investimenti

Territorio e mobilità urbana La spinta «verde» della Bei

Sale a 100 miliardi il fondo per finanziare il Green deal Ue

Serve una politica industriale europea Puntiamo alla leadership tecnologica

Robin Tax, 3,5% solo sui trasporti Impresa 4.0 con credito d’imposta

ora parliamo di produttività

L’INTRECCIO DI LOCALE E GLOBALE LEVA DI CRESCITA E INVESTIMENTI

la guerra dei biscotti

Intelligenza e competenze per radicare la meccatronica

Il secondo livello ritocca salario e welfare Manca all’appello il Sud

Ecco chi sforna i super tecnici del pianeta biotech e farmaci

il modello silicon valley in crisi per assenza di fantasia

Dagli italiani addio a mattone e BoT Sprint Emilia-Nordest

Fondi per l’innovazione al Sud

Coop sociali crescono con green e turismo

CINQUE MOSSE PER UN MISE AL PASSO COI TEMPI

Aule e ricerca per coltivare il sogno dell’eco-plastica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *