Notizie della settimana 20 – 26 maggio

Tante sollecitazioni in settimana ed un importante focus: il Rapporto su Meccanica & Automazione delle imprese.

Qui si racconta di come le pmi stiano installando robot e cobot che rendono più semplice il lavoro delle persone. Si tratta di macchine che consentono di trasferire in modo standard le informazioni, correggere errori, ricordare le varietà produttive…tutti passaggi che razionalizzano i processi di produzione  rendendola più qualitativa, con effetti positivi sui clienti e, quindi, sulla competitività delle aziende. Si stanno diffondendo anche strumenti ibridi come gli esoscheletri, piccole “armature” indossabili in grado di alleviare gli sforzi di sollevamento.

Nel Rapporto si parla anche dei Competence Center di Milano e di Pisa: Made, quello più legato al sistema imprenditoriale, e Artes, quello più tecnologico. Obiettivo di Made è raggiungere nel triennio oltre 10mila persone attraverso attività di informazione e divulgazione, erogando più di 41mila “ore-uomo” di formazione, sviluppare circa 410 progetti e 200 assessment digitali, coinvolgendo 15mila imprese, per l’80% Pmi.  Il focus di Artes 4.0 sarà sulla robotica avanzata e sulle tecnologie digitali abilitanti, con applicazioni industriali e biomedicali, settori in cui la Scuola Sant’Anna rappresenta un’eccellenza internazionale. «Ma siamo in grado di lavorare in molti più ambiti – osserva Dario –: dai materiali all’Internet of Things, dall’automazione delle macchine alla cybersecurity. L’idea è che le imprese che si rivolgono a noi possano trovare virtualmente tutte le soluzioni, chiavi in mano, per risolvere i loro problemi»

Mariano Corso, il responsabile scientifico dell’Osservatorio Digital Transformation Academy del Politecnico di Milano, ricorda e sottolinea che lo sviluppo delle tecnologie richiede un contemporaneo sviluppo della cultura e delle competenze delle persone: “pur aumentando progetti, iniziative e investimenti” ha detto Corso “in realtà molto spesso c’è ancora un approccio acritico e magico all’uso di questi strumenti, come se il solo fatto di investire potesse creare innovazione e risolvere i problemi di competitività”. Invece non basta, aggiunge Corso, indicando due elementi che rappresentano le basi per il successo dei progetti di trasformazione digitale: «Il ripensamento, la revisione dei processi e dell’organizzazione del lavoro da un lato e il coinvolgimento e l’investimento in competenze delle persone dall’altro».

A che punto siete voi con l’introduzione delle tecnologie 4.0? E che impatti hanno sulle persone e sulle loro competenze?

Di seguito gli articoli scaricabili:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *