Notizie della settimana dal 1 all’8 luglio

Plastic – free è ormai il grido di battaglia delle imprese più innovative che si stanno lanciando nell’utilizzo di nuovi materiali e nella riduzione dell’uso e del consumo di plastica.

Vale per le multinazionali ma anche per le PMI che stanno cercando di anticipare la direttiva europea che entrerà in vigore nel 2021 modificando il packaging e coinvolgendo i lavoratori nelle pratiche virtuose.

Ed è anche un modo per andare incontro ai clienti se è vero, come ci dice un sondaggio di Ipsos, che un italiano su tre chiede che siano le aziende a offrire risposte concrete per la riduzione della plastica.

Infine le imprese sanno che questo grido di battaglia è un modo per rafforzare, attraverso  un  messaggio  etico e green, la loro reputazione e quindi il loro brand.

Rispetto ai comportamenti dei consumatori emerge dal sondaggio di Ipsos che il 68% di italiani è disponibile a pagare di più un prodotto se proviene da politiche ambientali serie e rigorose, il 53% acquista prodotti realizzati con materiali riciclati, il 48% riutilizza articoli monouso e il 41% ha intenzione di smettere di acquistare prodotti con imballaggi non riciclabili.

Di recente è stata costituita l’Alliance to End Plastic Waste, un’organizzazione senza scopo di lucro composta da quasi 30 aziende che hanno impegnato più di $ 1 miliardo, con l’obiettivo di investire $ 1,5 miliardi nei prossimi 5 anni per aiutare a eliminare i rifiuti plastici nell’ambiente.

Per citare il claim di una famosa azienda energetica: le imprese + i consumatori sono meglio dell’impresa (da sola). Che sia arrivato il tempo della vera Rivoluzione Green?

Di seguito gli articoli scaricabili:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *