La Fase 2

 

Ci stiamo affacciando alla Fase 2 e stiamo gradualmente capendo che non solo non potremo tornare alla normalità ma che la situazione sanitaria è ancora profondamente incerta. Sono allo studio molte soluzioni economiche per far fronte alle situazioni difficili delle imprese e in realtà di tutti i settori. Il primo passaggio è quello di garantire la salute alle persone anche negli ambienti di lavoro e, come dice Aldo Bonomi, a “ridisegnare la ragnatela del valore”.

Nessuno può oggi sapere esattamente quale sarà la nuova normalità ma, come ci suggerisce ancora Bonomi “dovrebbe far riflettere la metamorfosi di due luoghi simbolo: le Ogr a Torino e la Fiera a Milano trasformati, nell’emergenza, in luoghi a supporto della cura”. Di fronte alla concretezza di tanti bisogni che vengono elencati in questi giorni in ogni dove, ci sembra che manchino ancora delle visioni. Forse fa paura dirlo ma serve immaginazione, ci servono nuove utopie.

Nel Medioevo (ci ricorda Rudger Bergman nel suo “Utopia per realisti”) l’Europa doveva assomigliare a una vera e propria Cuccagna con tanto cibo, senza malattie… Oggi ci fa ridere questa immagine ma siamo chiamati insieme ad elaborare una nuova idea comune di come vogliamo che il mondo possa diventare. A quanto pare siamo al nostro appuntamento con la storia.

 

Lo staff di PIDMed

Scarica la rassegna stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *